KIWI THE CAT
THE WONDERFUL WONDERFUL CAT
LA PAGINA DELLA SALUTE
I GATTINI



Portare a casa un gattino è un evento eccitante: in fondo, è una nuova presenza che entra a far parte della famiglia.
Potete aiutare il Vostro gattino ad ambientarsi facendo in modo che al suo arrivo trovi del cibo ed un posto caldo e comodo in cui dormire. La soluzione migliore è avere una gabbietta nel momento in cui andate a prenderlo. E la cuccia? C'è solo l'imbarazzo della scelta: nei negozi specializzati in articoli per animali ne troverete una per tutti i gusti.
Spazzolare e pulire con regolarità il pelo sono operazioni importanti per creare un legame solido tra di voi e contribuiscono a tenere il suo mantello sano e pulito.
Ricordate, inoltre, che all'inizio un ambiente tranquillo e silenzioso è fondamentale perché si senta a proprio agio.

All'inizio è opportuno limitare i movimenti del vostro gattino ad una sola stanza e cercare di prevederne ogni reazione, come fareste con un bambino.
Non dimenticate di dargli un giocattolo: una pallina di gomma o un topolino finto lo faranno divertire e lo aiuteranno ad esercitarsi: attenzione, però, a non lasciarlo giocare con la lana o con delle corde, perché se inghiottite possono arrotolarsi nel suo intestino.
Il vostro gattino inizierà presto ad usare la cassettina in casa.
La voglia di giocare e di divertirsi di un gattino sono inesauribili ed indispensabili per il suo sviluppo: ecco perché una dieta altamente energetica diviene essenziale.

I gatti, per ora, non sono stati selezionati dall'uomo con la stessa intensità di molte razze canine e quindi la loro anatomia è più vicina a ciò che "Madre Natura ha voluto".
Grazie a questo, i gatti hanno pochi problemi fisici ereditari.
Una prima visita veterinaria è indispensabile per un controllo sanitario e per le vaccinazioni.
Seguire i consigli del veterinario su come nutrire il vostro gattino e proteggerlo dai parassiti (detti "vermi") è la soluzione migliore per farlo crescere sano e forte come anche, naturalmente, la scelta di una dieta corretta ed equilibrata.

I gatti sono per natura carnivori e, rispetto agli altri animali, hanno fabbisogni diversi e specifici di proteine, grassi e vitamine.
Le esigenze nutrizionali del gattino, però, sono differenti da quelle di un gatto adulto e vanno soddisfatte con quantità di cibo modeste, in modo che il suo piccolo stomaco le possa digerire.
Un giusto equilibrio di elementi nutritivi è essenziale per evitare eccessi di proteine, di sodio e di magnesio. Ad esempio, un dosaggio esagerato di magnesio piò aumentare il rischio di formazione di calcoli nel condotto urinario, e un livello eccessivo di sodio è sconsigliabile perché può portare allo sviluppo dell'ipertensione.
La Vostra scelta dovrà orientarsi su una dieta bilanciata, in grado di favorire una crescita veloce e di ridurre il rischio di futuri problemi di salute.
Un buon inizio è la cosa più importante per aiutare il Vostro gatto ad avere una vita lunga e sana.
Un elemento di verifica della qualità di un alimento per animali è la digeribilità, che rispecchia la quantità di cibo effettivamente utilizzata dall'organismo: migliore è la qualità degli ingredienti, maggiore è la loro efficacia come fonte alimentare e migliore la qualità di feci prodotte (=mantenere un volume delle feci ad un livello accettabile per l'ambiente).
Inoltre, maggiore digeribilità significa anche convenienza. Infatti, se le sostanze nutritive contenute nell'alimentazione quotidiana vengono assorbite ed utilizzate in modo efficiente, al gattino basterà una quantità minore di cibo per soddisfare i suoi fabbisogni nutritivi rispetto ad un alimento meno digeribile.

Il Vostro gattino potrebbe già essere stato vaccinato e probabilmente è così se si tratta di un gatto di razza. Chiedete informazioni all'allevatore.
Se invece è un incrocio, portatelo al più presto dal veterinario per le vaccinazioni. Saranno necessari anche alcuni richiami; il veterinario Vi dirà quando farli.
In ogni caso, fate in modo che sia regolarmente sottoposto ad un controllo veterinario: ogni sei mesi al principio ed almeno una volta all'anno da adulto.
Le vaccinazioni, i richiami, le visite e le eventuali operazioni verranno annotate sul libretto sanitario.

Anche in una stessa cucciolata ogni gattino si sviluppa secondo tempi diversi: alcuni si rendono indipendenti abbastanza presto, altri dipendono dalla madre più a lungo.
I dati riportati si riferiscono quindi alla media dei cuccioli.


NASCITA

Alla nascita un gattino misura circa 11-15 centimetri e pesa tra i 70 ed i 135 grammi.

VISTA

  • Tutti i micetti nascono con gli occhi chiusi: non vedono quindi nulla.

  • Normalmente aprono gli occhietti tra gli 8 ed i 20 giorni.

  • Fino al terzo mese di vita il colore dell'iride è tendente al grigio, mentre a 90 giorni acquisisce la sua colorazione definitiva.

DENTIZIONE

  • I primi dentini da latte fuoriescono tra le due e le tre settimane.

  • La dentatura da latte completa si ha ad un mese e mezzo di vita.

  • La sostituzione con denti permanenti avviene tra i7 ed i 9 mesi.

MOVIMENTO

  • I primi movimenti, visibili attorno alle due settimane, consistono più che altro nello strisciare.

  • A 21-25 giorni, anche se goffamente, vista la debolezza delle zampette, comincia a camminare.

  • I primi salti e le prime corse si osservano a 4-5 settimane.

ALIMENTAZIONE

  • Per i primi 21-28 giorni il micetto si nutre esclusivamente di latte materno.

  • Lo svezzamento si ha attorno alle 4 settimane, quando si ha la prima ingestione di cibi solidi (omogeneizzati per bimbi, prodotti specifici, carne frullata).

  • A 8 settimane di età lo svezzamento si conclude e l'alimentazione diviene a base di cibi solidi.

MATURITA' SESSUALE

  • Le femmine raggiungono la pubertà (primo calore) tra il 6 ed il 9 mese.

  • I maschi sono in grado di fecondare le femmine tra gli 8 mesi e i 12 mesi, anche se l'età ottimale è considerata attorno ai 10 mesi.

INDIPENDENZA

  • Il gattino non abbandona mai la madre per i primi due mesi.

  • Le gatte con figli sono molto aggressive, quindi non si deve mai cercare di allontanarli da lei.

  • A 7-8 settimane inizia ad abbandonare la madre, magari in compagnia di uno dei suoi fratelli.

  • Se tenuto in casa con la madre oltre il periodo dello svezzamento, diventa completamente indipendente solo a 6 mesi.

APPRENDIMENTO

  • La mamma gli insegna a pulirsi già a un mese di vita circa ma, contemporaneamente, provvede ancora lei alla loro igiene.

  • Verso le 5 settimane si può provare a regalare al micetto qualche pallina o latri giochini; in ogni caso, cominciano a giocare tra di loro o con la madre.

  • Già a 30 giorni si può insegnargli a sporcare nella cassettina assieme alla mamma.

  • A 6-8 settimane comincia ad andare in giro per la casa a "caccia" e a curiosare da solo gli oggetti.

CURE VETERINARIE

  • Per i primi 3 mesi è opportuno essere sempre in contatto con un veterinario, perché si tratta di un periodo delicato.

  • A 9 settimane l'animale va vaccinato.

  • Dopo 3 settimane va effettuata la vaccinazione di richiamo.

  • La sterilizzazione delle femmine è consigliata dopo i 10 mesi.

  • La castrazione dei maschi è consigliata dopo l'anno di vita.

REGISTRAZIONE

  • Non è necessaria l'iscrizione all'anagrafe.

  • Per i gatti di razza è necessaria la registrazione entro 15 giorni dalla nascita

Questa pagina è stata liberamente tratta da "Amici di Casa" - anno 2 - n 1 - Gennaio 2001

DIZIONARIO

Iride
La parte colorata dell'occhio.

Svezzamento
Il periodo durante il quale un cucciolo inizia ad ingerire anche cibo solido.

Vaccinazione
Somministrazione, per bocca o in vena, di un particolare preparato in grado di proteggere da determinate malattie.