KIWI THE CAT
THE WONDERFUL WONDERFUL CAT
TARTARUGA MARINA

Nome comune: Tartaruga (inglese: turtle)
Nome scientifico: Caretta caretta
Famiglia: Chelonidi (Chelonidae)
Ordine: Cheloni (Chelonia)
Classe: Rettili (Reptilia)


CARATTERISTICHE: Il guscio delle tartarughe è simile a quello delle cugine terrestri, le testuggini. Rispetto a queste presentano una forma più idrodinamica, e quindi il carapace appare notevolmente abbassato. Per il nuoto utilizzano gli arti modificati in potenti palette che, mediante dei movimenti circolari, permette loro di spostarsi in acqua con agilità e leggerezza.
Il peso si aggira al massimo sui 100 kg e la lunghezza è di circa 90 cm.


VITA ED ABITUDINI: In generale a differenza delle testuggini, la tartaruga marina torna a terra solo per deporre le uova, anche se la tartaruga caretta torna per riposarsi sulla spiaggia. Quando la femmina si dirige a terra per deporre le uova, lascia dietro di s una lunga scia sulla sabbia. Giunta sul punto desiderato, grazie alle zampe posteriori, che si trasformano in potenti badili, scava una buca profonda 45-60 cm. Poi si mette con la coda rivolta verso la buca ed inizia ad espellere le uova, da 60 sino a 150. Queste sono lasciate sotto la calda sabbia per circa un paio di mesi. I nascituri escono in massa dal nido richiamati da un incontrollabile desiderio di raggiungere l'acqua: durante questa lunga ed estenuante attraversata molte piccole tartarughe sono predate. La caretta carnivora e si nutre di pesce, molluschi e crostacei.


DOVE E' POSSIBILE INCONTRARE LA TARTARUGA: E' presente nel Pacifico, nell'Atlantico e nel Mediterraneo.


CURIOSITA': Ancor oggi gli spostamenti della tartaruga sono un mistero, nel momento in cui l'animale prende il largo. Oggi alcuni individui sono seguiti grazie a dei piccolissimi ricetrasmittenti satellitari posti sul carapace. Questi consentono di acquisire informazioni sugli spostamenti, sulle eventuali preferenze dei percorsi e sulle zone di nidificazione. Inoltre ci permettono di conoscere quelle che possono essere le cause, su scala mondiale, che minacciano questo antico Rettile.

Progetto Caretta caretta

© 2000-2006 kiwithecat.it